Villa Serena Solagna

Via Roma n. 4
36020 Solagna (VI)
Tel 0424 816125
Fax 0424 558979
Mail: ufficioprotocollo@villaserena-solagna.it
PEC: protocollo.villaserenasolagna@pecveneto.it


Dimensioni Carattere: A + A - Reimposta

Servizio di Coordinamento servizi socio-assistenziali/assistente sociale

Il servizio offre informazioni sui servizi di Villa Serena, gestisce le domande di ricovero e il procedimento di ingresso.

Svolge funzioni di segretariato sociale e segue l'accoglimento, l'inserimento e la dimissione degli ospiti nella struttura in raccordo con il Coordinatore dei servizi e in collaborazione con le Unità Operative Distrettuali, la rete territoriale dei servizi e le altre figure professionali presenti in struttura.

Facilita il proseguimento del rapporto fra l'ospite e la sua famiglia e aiuta la famiglia stessa nelle eventuali pratiche inerenti l'ospite.

L’assistente sociale del Centro Servizi è anche il coordinatore del Nucleo le Rondini   e come tale ha il compito di coordinare, organizzare e verificare l’andamento della struttura e promuovere il miglioramento della qualità di vita degli ospiti presenti e informare e sostenere i familiari interessati. Inoltre si impegna giornalmente a contattare i reparti e i servizi sociali del territorio per organizzare gli ingressi  e dare la disponibilità del posto libero all’interno della struttura.

L’assistente sociale all’interno del  Centro Servizi presta interventi di natura socio-assistenziale volti alla soluzione di problemi che si evidenziano o nascono in concomitanza con il ricovero e al migliore utilizzo delle risorse presenti nella struttura e sul territorio, con particolare riferimento alla famiglia e all’ambiente di provenienza al fine di evitare l’emarginazione dell’anziano.

Le funzioni principali che la figura professionale dell’assistente sociale svolge all’interno del Centro Servizi  sono:

- il segretariato sociale che si connota come una funzione svolta nello spazio di “ricevimento del pubblico” con l’obiettivo di offrire informazioni sulle caratteristiche dell’ente, sui requisiti e sulla procedura di accoglimento, modalità di accesso alla struttura e tipologia e caratteristiche dei servizi offerti. Ha il compito di analizzare la domanda , il servizio più idoneo per l’anziano (servizio per autosufficienti, non auto, inserimento  temporaneo, definitivo …) ed eventualmente avviare la pratica;

- la gestione degli accoglimenti:

- Visita domiciliare (può essere prevista) come strumento conoscitivo del nuovo ospite di pre-accoglimento. Importante quando la persona anziana proviene dal proprio domicilio, come collegamento tra la famiglia e il Centro Servizi

- Attiva la procedura d’ingresso dell’Ospite attraverso un collegamento con altri servizi del territorio

- Raccolta dei documenti amministrativi e sanitari necessari per l’accesso in struttura

- Informazioni generali/dettagliate sulla persona per poterla accogliere nel modo migliore (uso di scheda raccolta informazioni). Al fine di favorire l’inserimento vengono fornite informazione dettagliate sulla persona a tutto il personale del reparto

- Verifica il periodo di permanenza in struttura

- Compila la documentazione interna per l’inserimento nella struttura

- Cura l’inserimento tramite la presentazione del nuovo ospite al reparto come primo momento di conoscenza con gli operatori che si prenderanno cura di lui, gli ospiti e le varie figure professionali

- Nell’arco del primo mese di accoglimento si tiene un confronto allargato tra i diversi operatori (assistente sociale, infermiere professionale, operatore addetto all’assistenza, psicologo, medico, fisioterapista, educatore) al fine di stendere il “Piano di Assistenza Individualizzato”;

- contatta l’assistente sociale del Comune di provenienza dell’ospite per un passaggio di consegna. Tale aspetto è importante in quanto è il Comune di provenienza che è chiamato a rispondere in caso di mancato pagamento;

- si occupa della stesura e dell’aggiornamento della cartella sociale per ogni ospite ricoverato nella struttura, registrando colloqui individuali, colloqui con familiari, interventi individualizzati, dati importanti riguardanti l’ospite;

- partecipazione UOI (unità operative interne) e stesura verbale;

- attività informativa inerente a pratiche: invalidità, indennità di accompagnamento, istituti di amministratore di sostegno, curatore e tutore;

- attività di consulenza e sostegno psico-sociale agli ospiti mediante progetti individualizzati d’intervento;

- attività di consulenza e sostegno psico-sociale ai familiari che  rappresentano per la persona ricoverata un importante e insostituibile risorsa, attraverso colloqui programmati o al bisogno;

- attività di collegamento, collaborazione con Enti, Servizi, e strutture esterne;

- attività di collegamento con associazioni di volontariato e realtà presenti nel territorio. Il lavoro di rete con le risorse nel territorio è importante in quanto  il Centro Servizi non deve essere  un luogo chiuso, ma un posto da vivere in osmosi con le persone della comunità e dei servizi;

- aggiorna la scheda S.W.A.M.A. in caso di aggravamento e cambio del profilo dell’ospite per la creazione di nuovi progetti individualizzati;

- attività di coordinamento e programmazione del lavoro degli operatori socio-assistenziali e raccolta di problematiche riguardanti il lavoro quotidiano;

- collabora e promuove attività partecipative degli ospiti attraverso la creazione e l’attuazione di programmi educativi-ricreativi di stimolazione cognitiva e funzionale, volti all’integrazione dell’anziano nel Centro Servizi e all’emarginazione psico-sociale;

- si occupa della rilevazione di statistiche, dati  relativi a ospiti e/o alla struttura;

- programmazione di servizi interni;

- realizzazione di progetti legati ai servizi e/o nuove progettualità;

- Tiene i rapporti, in collaborazione con Direzione con soggetti obbligati agli alimenti o al pagamento della retta o di integrazioni della stessa (dalla redazione e sottoscrizione dell’eventuale “contratto” di conservazione del posto, alla sottoscrizione del contratto di ricovero, alla definizione del deposito cauzionale);

- Gestisce archivi e dati personali e “sensibili” dei sigg. Ospiti (e loro familiari) nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge;

- Tiene i rapporti con tutori, curatori, amministratori di sostegno, nominati a tutela dei sigg. Ospiti incapaci;

- Verifica il grado di soddisfacimento e della trasformazione dei bisogni (degli anziani ospiti e dei loro familiari), tramite appositi strumenti di rilevazione della qualità, propri del “sistema qualità” implementato presso la struttura.

ORARIO DI PRESENZA

LUNEDI'

MARTEDI'

MERCOLEDI'

GIOVEDI'

VENERDI'

ASSISTENTE SOCIALE

 

 

13.00-16.00

9.00-13.00

 

Dr.ssa Marianna Meneghin

13.30-17.30

 

 


 


Referente  del servizio:

- Dr.ssa  Marianna Meneghin

CONSIDERAZIONI: L’IMPORTANZA DELLA FAMIGLIA

L’accoglienza in Casa di Riposo è un momento particolarmente delicato sia per il nuovo ospite, sia per i familiari. Esso rappresenta il distacco dal proprio domicilio ed un allontanamento dalle persone e dalle cose affettivamente importanti. L’anziano, compatibilmente e in relazione alle sue condizioni psico-fisiche, viene informato e deve essere consenziente. Il familiare assume un preciso impegno di solidarietà nei confronti del proprio congiunto che si traduce in una significativa presenza, vicinanza e sostegno. La presenza dei familiari diviene indispensabile per raccogliere informazioni e prendere, conseguentemente, decisioni appropriate. La famiglia è coinvolta nell’attuazione del progetto individualizzato predisposto per l’anziano.

menu principale

 

modulistica

Scarica la nostra modulistica

CLICCA QUI

Foto Gallery